Storia dell’Omeopatia in Italia – Un’introduzione

La nascita dell'Omeopatia, o per meglio dire la sua scoperta e teorizzazione, sono contemporanee agli studi di Hahnemann, medico tedesco che per primo si accorse delle leggi di similitudine. La legge "il simile cura il simile" fu espressa anche da Ippocrate e Paracelso, ovviamente in termini un po' diversi e meno approfonditi. Hahnemann ne studiò scientificamente gli effetti con ricerche e sperimentazioni. Finché ne capì i meccanismi di diuizione e dinamizzazione, e creò così i rimedi omeopatici.

samuel-hahnemann-omeoroma-it

Hahnemann pubblica due trattati che sono il fondamento dell'omeopatia, e che coincidono con la sua nascita:

  • "Saggio su un nuovo principio per dimostrare il valore curativo delle sostanze medicinali" , nel 1796;
  • e nel 1810, L' "Organon dell'Arte del guarire".

Questo lavoro, il cui obiettivo finale è di ristabilire la salute degli ammalati in breve tempo, senza inconvenienti e nel modo più completo, sembrerebbe facile, mentre è faticoso e richiede molta meditazione. L'Omeopatia si presenta come una Medicina molto semplice, sempre simile nei suoi principi e nei suoi procedimenti, completa e perfettamente indipendente che respinge ogni associazione con la rovinosa pratica della Scuola Antica, che ne è l'antitesi, come la notte lo è del giorno e giammai tali pratiche dovranno vanagloriarsi col nome onorevole di Omeopatia.

Hahnemann, dalla prefazione a "Organon o l'arte di guarire"

In tempi nei quali i salassi e le sanguisughe erano una pratica comunemente accettata dalla medicina ufficiale, e nei quali i medici ancora rifiutavano sdegnosamente che qualcuno dicesse loro di lavarsi le mani dopo aver toccato un cadavere, le parole di Hahnemann erano un'accusa forte e chiara contro molte delle prassi mai messe in discussione.
(Oggi i tempi sono cambiati, per fortuna: ma pochi giorni fa abbiamo assistito a un servizio televisivo, in cui alcuni primari si sono offesi e hanno cacciato gli intervistatori, quando è stato fatto notare che il loro ospedale somministra carne ai malati di cancro per quasi venti volte a settimana, contro le stesse raccomandazioni OMS! Altri, per fortuna, sono stati più disposti all'ascolto. I tempi sono cambiati. Ma ancora c'è da fare!)

La scoperta di Hahnemann fu una rivoluzione, che fu accolta da molti, e da molti altri fu fieramente osteggiata. Dai suoi inizi, l'omeopatia ha dovuto lottare alacremente per esser presa in considerazione, e per non essere messa al bando, vietata, punita, combattuta con ogni mezzo lecito e a volte meno lecito.

I suoi avversari sono stati molti, e quasi tutti medici: i tanti rappresentanti della medicina ufficiale, che hanno visto minacciate le proprie pratiche, abitudini, il proprio prestigio sociale, i propri studi. Basati a volte su assunti e su mentalità profondamente dannosi per il malato.

Dalla sua, l'omeopatia ha avuto sempre un'arma potente: la verità.

La verità delle guarigioni, la verità incontrovertibile della sua efficacia e del benessere che ha portato negli anni, ormai nei secoli, nella vita delle persone.

frutta

Vogliamo proporre a voi lettori un viaggio: il viaggio che l'omeopatia ha fatto in Italia, dai suoi inizi e per tutto il secolo Diciannovesimo. Tra guerre, epidemie e rivoluzioni politiche che hanno infiammato la nostra Penisola.

La storia dell'omeopatia si intreccia fortemente con la storia d'Italia, grazie al coraggio e all'iniziativa di tanti medici: che hanno partecipato alla vita civile e sociale delle loro città, hanno praticato l'omeopatia nei momenti più critici, hanno dispensato gratuitamente i rimedi. E intanto si sono battuti contro l'ostracismo scientifico e politico dei medici "ufficiali".

Nel prossimo post, scopriremo come è arrivata in Italia l'Omeopatia.
Salite sulla nostra macchina del tempo, allacciate le cinture e preparatevi ad atterrare nel bel mezzo di un moto rivoluzionario tra i più importanti dell'Ottocento.

La Storia dell'Omeopatia in Italia è un viaggio appassionante, come quello dell'Italia. Riscopriamolo insieme, per capire meglio chi siamo, e tutta la strada percorsa!

 

Un pensiero su “Storia dell’Omeopatia in Italia – Un’introduzione

  1. Pingback: Storia dell’omeopatia in Italia – L’arrivo – Omeoroma – il blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *