Nell'introduzione alla nostra rubrica "Storia dell'Omeopatia in Italia", scrivevamo:

Vogliamo proporre a voi lettori un viaggio: il viaggio che l'omeopatia ha fatto in Italia, dai suoi inizi e per tutto il secolo Diciannovesimo. Tra guerre, epidemie e rivoluzioni politiche che hanno infiammato la nostra Penisola.

La storia dell'omeopatia si intreccia fortemente con la storia d'Italia, grazie al coraggio e all'iniziativa di tanti medici: che hanno partecipato alla vita civile e sociale delle loro città, hanno praticato l'omeopatia nei momenti più critici, hanno dispensato gratuitamente i rimedi.

Eccoci quindi alla prima tappa del nostro appassionante viaggio di scoperta della storia dell'Omeopatia, che arriva in Italia in uno dei momenti più critici e infiammati della sua storia moderna.

C'è da dire che, nel Diciannovesimo secolo, l'Italia non è ancora uno stato unitario. E la situazione politica frammentaria della nostra penisola italiana porta a uno sviluppo differente dell'Omeopatia nelle varie zone e nei vari stati.

L'opinione generale e più diffusa è che l'omeopatia italiana parta da Napoli.

...continua a leggere "Storia dell’omeopatia in Italia – L’arrivo"

1

La nascita dell'Omeopatia, o per meglio dire la sua scoperta e teorizzazione, sono contemporanee agli studi di Hahnemann, medico tedesco che per primo si accorse delle leggi di similitudine. La legge "il simile cura il simile" fu espressa anche da Ippocrate e Paracelso, ovviamente in termini un po' diversi e meno approfonditi. Hahnemann ne studiò scientificamente gli effetti con ricerche e sperimentazioni. Finché ne capì i meccanismi di diuizione e dinamizzazione, e creò così i rimedi omeopatici.

samuel-hahnemann-omeoroma-it

Hahnemann pubblica due trattati che sono il fondamento dell'omeopatia, e che coincidono con la sua nascita:

...continua a leggere "Storia dell’Omeopatia in Italia – Un’introduzione"