Il Centro Medico Masi Elizalde vi augura un felice Anno Nuovo. Pieno di salute, benessere e vita felice per tutti voi e le vostre famiglie!

"In questo mondo io sono stato un semplice strumento, come tanti altri. La dottrina omeopatica non viene da me e la sua verità non mi è dovuta. Non voglio quindi che si pensi di attribuirmene la paternità.

Se fosse una mia scoperta, se questa legge l'avessi creata io facendola uscire dal nulla, ora sparirebbe con me.

Invece ella sopravviverà a me stesso, perchè è dalla Natura che trae la propria  quintessenza e perchè viene da Dio.”

Samuel Hahnemann

Che il 2017 sia una tappa del vostro percorso di salute, e che tutti noi possiamo essere strumenti di benessere e di tutto il meglio, per noi e per gli altri.

buon-2017

 

1

La nascita dell'Omeopatia, o per meglio dire la sua scoperta e teorizzazione, sono contemporanee agli studi di Hahnemann, medico tedesco che per primo si accorse delle leggi di similitudine. La legge "il simile cura il simile" fu espressa anche da Ippocrate e Paracelso, ovviamente in termini un po' diversi e meno approfonditi. Hahnemann ne studiò scientificamente gli effetti con ricerche e sperimentazioni. Finché ne capì i meccanismi di diuizione e dinamizzazione, e creò così i rimedi omeopatici.

samuel-hahnemann-omeoroma-it

Hahnemann pubblica due trattati che sono il fondamento dell'omeopatia, e che coincidono con la sua nascita:

...continua a leggere "Storia dell’Omeopatia in Italia – Un’introduzione"

1

Risponde il dott. Antonio Abbate: è medico, omeopata e agopuntore ed è il direttore del Centro di Medicina A.Mazi Elizalde.
Scrivi all'omeopata
è la rubrica di consigli sulla salute: il dott. Antonio Abbate risponde alle domande dei pazienti per parlare insieme di come stare bene.
Leggi qui tutte le informazioni e come inviare la tua domanda.
Attenzione: i consigli sono di tipo generico. Contatta il medico per averne di personali!

Buongiorno dottore,

le scrivo perché la mia bambina di due mesi e mezzo deve fare il primo vaccino.
Mi è stato consigliato di somministrare il primo giorno Thuja occidentalis 200K (tubo dose) e dopo quattro giorni Silicea 200K (tubo dose).
Il farmacista mi ha dato invece Thuja occidentalis 200CH e Silicea 200CH.

Sono equivalenti? E si tratta di rimedi idonei per i vaccini?

Grazie!
Francesca

Buongiorno Francesca, e grazie per averci scritto.

In un grande numero di siti di omeopatia, italiani e internazionali. si consiglia una dose di Thuja occidentalis 30CH subito dopo la vaccinazione (almeno entro 2 ore), e poi ogni 12 ore, per un totale di 3 dosi.

In questo modo, si dice, l'omeopatia è in grado di scongiurare molti effetti collaterali del vaccino, compresi quelle che possono apparire dopo mesi o anni.

...continua a leggere "La prevenzione omeopatica nelle vaccinazioni – Scrivi all’omeopata"

Ognuno di noi è diverso e ha un mal di testa diverso, un raffreddore differente, un’influenza a sé! E anche i rimedi sono diversi tra loro e hanno delle personalità specifiche!

Dal post La personalità del rimedio omeopatico

C'è un medicamento che vive una profonda angoscia: è Causticum.

causticum

Il medicamento Causticum si ottiene da un processo molto complesso in cui avviene una "fusione" di minerali ed elementi chimici diversi. Una distillazione di una miscela di bisolfato di potassio e calce, che fu realizzata da Hahnemann stesso a partire dalla comune calce per il marmo;  i chimici sono in disaccordo se ascriverlo al gruppo dei composti del potassio o, in quelli dell'ammonio.

Causticum è l'insieme degli elementi uniti tra loro in armonia...

...continua a leggere "Causticum – La personalità del rimedio omeopatico"

2

La visita omeopatica è molto diversa dalle visite mediche alle quali siamo comunemente abituati.

Set of herbal medicine icons with leaves in green and white colors. Can be used for science pharmacy homeopathy alternative medicine medical research organic or natural concept logo design

Molte persone, purtroppo, non sono abituate a essere ricevute e trattate in modo attento e a poter parlare della loro condizione di malattia in modo approfondito. Anche pazienti cronici, passati per gli studi di numerosi specialisti, a volte restano sorpresi dalle domande dell’omeopata, dal livello di profondità e dai dettagli richiesti, e anche dallo spazio che si trovano ad avere per parlare non solo del loro male, ma anche di loro stessi, della loro vita e del loro mondo interiore.

Dall'articolo "La prima visita", sul sito di Omeoroma

Ci si prende più tempo, ci si guarda in faccia, il medico fa molte domande, alcune che analizzano la malattia e portano anche il paziente a interrogarsi e a riflettere a lungo prima di rispondere.

Oggi parliamo di sette interessanti aspetti di una visita omeopatica, che sono un altro dei tanti valori aggiunti dell'omeopatia!

...continua a leggere "La visita omeopatica: sette cose da sapere!"